Assistenza per i senzatetto

i volti, le voci, i racconti.

Assistenza notturna
La patria dei poveri è una patria senza confini.A Rovereto c’è chi si prende cura di loro.
Durata: 0:45
Davide
La patria dei poveri è una patria senza confini.A Rovereto c’è chi si prende cura di loro.
Ascolta la storia di Davide, che si prende cura dei più poveri.
Durata: 2:16
Gli ospiti
La patria dei poveri è una patria senza confini.A Rovereto c’è chi si prende cura di loro.
Ascolta la storia degli ospiti del dormitorio.
Durata: 3:01
Gli operatori
La patria dei poveri è una patria senza confini.A Rovereto c’è chi si prende cura di loro.
Ascolta la storia degli operatori, che assicurano un pasto ed un letto caldo.
Durata: 2:52
I volontari
La patria dei poveri è una patria senza confini.A Rovereto c’è chi si prende cura di loro.
Ascolta la storia dei volontari della Fondazione “Comunità Solidale”.
Durata: 2:05

Fondazione comunità solidale. Assistenza notturna a Rovereto.

Chi siamo I 140 volontari della Fondazione “Comunità solidale” per l’assistenza ai senzatetto. Gestiamo le attività caritative per conto della Caritas diocesana di Trento.

Dove siamo Rovereto (Trento). Ci trovi la sera nelle strade della città e nei dintorni della stazione ferroviaria.

Cosa facciamo Siamo in prima fila per l’emergenza freddo. Con centro d’accoglienza, spazi dormitorio, soccorso in strada e un pasto caldo. Con l’aiuto di tutti, puntiamo a estendere il servizio all’intero anno.

Il portico Casa accoglienza
Via Borgo santa Caterina, 61 - 38068 Rovereto (TN)
Tel. 0464 423144
assistenzanotturnarovereto@8xmille.it
Aiutaci. Puoi farlo con un click.

Il racconto di Tommaso

Quel portone

sempre aperto

Mi chiamo Tommaso Protti, sono nato a Mantova e cresciuto a Roma. Dopo la laurea in Scienze Politiche mi sono tranferito a Londra dove ho conseguito un master in fotogiornalismo. Al momento vivo tra Roma e la Turchia portando avanti un progetto fotografico a lungo termine sulla regione dell’Anatolia sud-orientale.

Conosci gli altri fotoreporter

La storia continua
Segui il racconto di Tommaso su Facebook