Chiedilo a suor Teresa e alle sue Sorelle che a Milano accolgono i rifugiati in fuga da guerre e dittature.

[Descrizione immagine]
“La bellezza di questa casa è che dopo aver fatto questa esperienza di aiuto e accoglienza, a loro volta aiutano gli alt

Centro per rifugiati La Grangia di Monluè:

A Milano, una casa accoglienza per i rifugiati in fuga. Ecco i loro volti, ascolta le loro storie.

Milano - La Grangia di Monluè

Don Marco

Gli operatori e i volontari

I volti dei protagonisti

Sono i volti delle persone che ogni giorno animano
le realtà sostenute con i fondi dell’8xmille.
I loro sguardi raccontano le loro storie, ascoltale.

Scopri la campagna

L’opera vista con i tuoi occhi

Alessandro Scattolini

Alessandro, studente di fotografia, ha visitato l'opera La Grangia di Monluè.
Ecco il suo fotoreportage: “Departures & Arrivals”.

È molto difficile pensare di essere la preda di un sistema che non ti accetta per quello che sei e per quello in cui credi.

Mi apre la porta Suor Stefania, che mi regala un’accoglienza calorosa.

Le prime luci del mattino. una grande finestra sull’atrio che sta a ricordare l’inizio di una nuova giornata per tutti.

Suor Gisella è già alle prese con la preparazione dei pasti giornalieri.

A tutti gli ospiti viene chiesto di contribuire a tenere puliti gli spazi della Grangia.

Le lezioni di italiano sono un punto fondamentale ed obbligatorio per i nuovi ospiti.

Alessandro Scattolini

Mi chiamo Alessandro Scattolini. Sto frequentando il terzo master nella Scuola Romana di Fotografia. A marzo del 2012 ho pubblicato il mio primo libro fotografico “Il treno”, che attraversa 3 favelas di Rio de Janeiro. Quest’anno partecipo al progetto “Bridge of Colors” creato con l’associazione “Dove si Incrociano le Vie”: stiamo realizzando un libro-racconto sull’orfanotrofio St. Jude di Gulu, Uganda. A marzo 2013 ho inaugurato la mia prima mostra personale.

Conosci gli altri fotoreporter